IT EN

Pro.mo

News ed eventi

Isap al fianco di Daniele: ecco il bicchiere pensato per la guerra al vetro dell'Old Fox Pub

Daniele Martinelli è il gestore dell'Old Fox di Milano, pub giunto agli onori della cronaca per l'impegno contro i contenitori di vetro. Martinelli, che aveva dichiarato di usare solo bicchieri in plastica per vendere gli alcolici, ha catturato l'attenzione di Isap Packaging S.p.A., azienda specializzata nella produzione di stoviglie monouso in plastica e imballaggi industriali. Dal quartier generale di Verona arriva un bicchiere che celebra la partnership tra l'Old Fox Pub e Isap per la protezione di Piazza Sant'Agostino dai cocci di vetro.

Dopo i danni prodotti dai frammenti di vetro che hanno portato al ferimento di oltre 1.500 in Piazza San Carlo a Torino, durante la finale di Champions League, si è tornato nuovamente a parlare del tema dei pezzi di vetro dispersi per strada nelle grandi città. Martinelli, che contro la plastica sono anni che i combatte, sostiene sia una battaglia persa. Chi vende birra in bottiglia, lo fa a prezzi inferiori e viene preferito a chi, come lui, investe in bicchieri di plastica. Tuttavia il divieto di vendita di bottiglie di vetro e lattine in Darsena a Milano sembra sposare la visione di sicurezza e decoro promossa da Martinelli.

Isap Packaging ha voluto credere nella battaglia del gestore dell'Old Fox Pub e ha creato un bicchiere che sulla sua superficie riporta i fattori che rendono questo contenitori preferibile a quelli in vetro.

 

 

Un bicchiere in plastica infatti è infrangibile e non ferisce chi lo usa. È igienico e riciclabile. Con questa iniziativa, lo scopo raggiunto da Isap non è solo sostenere Martinelli nella sua lotta ai cocci di vetro abbandonati in Piazza Sant'Agostino, ma anche quello di mandare in mille pezzi i pregiudizi, come scritto sullo stesso bicchiere.

“Questo bicchiere è quasi un simbolo, il simbolo di una situazione paradossale – sostiene Marco Omboni, presidente del Gruppo Pro.Mo Produttori Stoviglie Monouso in Plastica –. Da una parte c’è una marea montante che sembra attribuire tutti i problemi dell’ambiente agli oggetti in plastica e a quelli monouso in particolare. Dall’altra, cresce la domanda di igiene, sicurezza e praticità nei consumi collettivi, una domanda cui i bicchieri e le stoviglie monouso in plastica danno una risposta ottimale. La quadratura del cerchio? Il fatto che l’impatto ambientale delle stoviglie in plastica non è così negativo come molti pensano: lo dimostra una ricerca LCA che compara le stoviglie monouso in plastica (polipropilene e polistirene) con quelle in acido polilattico e polpa di cellulosa, pubblicata sul sito del Gruppo Pro.Mo. E la dispersione dei rifiuti? E il problema della plastica nei mari? La soluzione non è proibire l’uso della plastica da parte di tutti, ma evitarne lo spreco e il cattivo uso che alcuni ne fanno”.

← Torna alle news